Cardiologia.net
Reumatologia
Gastroenterologia.net

Terapia genica con vettori adeno-associati ricombinanti per la degenerazione maculare senile neovascolare


La degenerazione maculare senile neovascolare, o umida, provoca la perdita della visione centrale e rappresenta un importante problema di salute negli anziani, ed è attualmente trattata con frequenti iniezioni intraoculari di proteine anti-VEGF.
La terapia genica potrebbe rappresentare una terapia anti-VEGF a lungo termine con un singolo trattamento.

È stata valutata la sicurezza di rAAV.sFLT-1 nel trattamento della degenerazione maculare senile umida con una singola iniezione sottoretinica.

In uno studio di fase 1, randomizzato, controllato, sono stati arruolati pazienti con degenerazione maculare senile umida presso il Lions Eye Institute e il Sir Charles Gairdner Hospital ( Nedlands, WA, Australia ).

I pazienti eleggibili avevano un’età a partire da 65 anni, degenerazione maculare senile secondaria a neovascolarizzazione coroidale subfoveale attiva, con la migliore acuità visiva corretta ( BCVA ) di 3/60-6/24 e 6/60 o meglio nell'altro occhio.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 1 x 1010 genomi vettoriali ( vg; gruppo rAAV.sFLT-1 a basso dosaggio ) o 1 x 1011 vg ( gruppo rAAV.sFLT-1 ad alto dosaggio ), o nessun trattamento di terapia genica ( gruppo di controllo ).

Tutti i pazienti hanno ricevuto Ranibizumab ( Lucentis ) al basale e alla settimana 4, e trattamento di salvataggio durante il follow-up sulla base di criteri prespecificati che hanno compreso la migliore acuità visiva corretta misurata alla scala EDTRS ( Early Treatment Diabetic Retinopathy Study ), tomografia a coerenza ottica e fluorangiografia.

L'endpoint primario era la sicurezza oculare e sistemica.

Dal 2011 al 2012 sono stati arruolati 9 pazienti dei quali 8 sono stati assegnati in modo casuale a ricevere o l’intervento ( 3 pazienti nel gruppo rAAV.sFLT-1 a basso dosaggio e 3 pazienti nel gruppo rAAV.sFlt-1ad alto dosaggio ) o nessun trattamento ( 2 pazienti nel gruppo di controllo ).

L’iniezione sottoretinica di rAAV.sFLT-1 era altamente riproducibile.

Non sono stati osservati eventi avversi correlati al farmaco; eventi avversi correlati alla procedura ( emorragie sottocongiuntivale o subretinica e scarsi detriti cellulari nel vitreo anteriore ) erano generalmente lievi e si sono auto-risolti.
Non c'è stata evidenza di atrofia corioretinica.

Le valutazioni cliniche di laboratorio in generale sono rimaste invariate rispetto al basale.

4 ( 67% ) dei 6 pazienti nel gruppo di trattamento hanno richiesto zero iniezioni di soccorso, e gli altri 2 ( 33% ) hanno richiesto una sola iniezione di salvataggio ciascuno.

rAAV.sFLT-1 è risultato sicuro e ben tollerato.

Questi risultati supportano la terapia genica oculare come potenziale opzione di trattamento a lungo termine per la degenerazione maculare senile umida. ( Xagena2015 )

Rakoczy EP et al, Lancet 2015; 386: 2395-2403

Oftalm2015



Indietro