Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Pneumobase.it

Trattamento della degenerazione maculare senile neovascolare con Ranibizumab e cause di interruzione del trattamento


Sono stati valutati i risultati di 4 anni di trattamento della degenerazione maculare senile neovascolare con Ranibizumab ( Lucentis ) a regime di dosaggio variabile.

Uno studio retrospettivo monocentrico ha incluso 855 pazienti con degenerazione maculare senile neovascolare in trattamento con Ranibizumab nel corso di un periodo di 4 anni.
Sono stati inclusi nello studio pazienti con un follow-up minimo di 15 mesi e tutti i pazienti che hanno cessato il trattamento a prescindere dal follow-up.

In totale, 1321 pazienti sono stati trattati nel corso del periodo di 4 anni e 855 pazienti sono risultati eleggibili per l'inclusione nello studio.
Di questi, 456 pazienti stavano ancora ricevendo il trattamento attivo, mentre 399 pazienti hanno interrotto il trattamento.
I risultati complessivi di trattamento hanno mostrato una significativa diminuzione della visione da 53.2 lettere secondo ETDRS ( Early Treatment of Diabetic Retinopathy Study ) a 50.5 lettere ( P minore di 0.001 ).

Il periodo osservazionale medio è stato di 23.3 mesi.
Il motivo di interruzione del trattamento nei 181 pazienti è stato il verificarsi di nessun segno di attività, mentre 113 pazienti sono stati giudicati non-trattabili; 36 pazienti hanno rifiutato un ulteriore trattamento per vari motivi.

In conclusione, questo studio ha mostrato che quando un follow-up si estende oltre 2 o 3 anni, l'acuità visiva sembra diminuire.
I dati hanno mostrato che possono essere identificati diversi gruppi di responder: scarsi o non-responder ( circa il 15% di tutti i pazienti ) e buoni responder ( circa il 21% di tutti i pazienti ).
Questi due gruppi, in generale, possono essere identificati entro i primi 2 anni di trattamento, mentre il terzo gruppo di responder regolari ( circa il 64% di tutti i pazienti ) richiede un monitoraggio continuo e trattamento per anni. ( Xagena2013 )

Krüger Falk M et al, Am J Ophthalmol 2013; 155: 89-95

Oftalm2013 Farma2013


Indietro