Xagena Mappa
Medical Meeting
Cardiobase
Mediexplorer.it

Sirolimus potrebbe diminuire l’uso degli steroidi nella uveite


In alcuni pazienti, l’immunosoppressore Sirolimus ( Rapamune ) permette di controllare l’uveite non-infettiva, seppur in assenza di un miglioramento dell'acuità visiva.
In uno studio di fase I, l’offuscamento del corpo vitreo è migliorato a 6 mesi nel 36% dei pazienti trattati con Sirolimus per via intravitreale, e nel 42% di quelli che hanno ricevuto il farmaco per via sottocongiuntivale.

Uno studio, in aperto, ha valutato la sicurezza, la tollerabilità e la bioattività di Sirolimus nei pazienti con uveite non-infettiva, posteriore, intermedia, o panuveite, a cui è stato somministrato per via intravitreale ( 352 mcg ) o sottocongiuntivale ( 1.320 mcg ).

I 30 pazienti, arruolati, sono stati stratificati in tre categorie: a) malattia attiva in assenza di trattamento; b) malattia attiva in trattamento con steroidi o terapia immunomodulante; c) malattia inattiva con terapia di mantenimento con steroidi o terapia immunomodulante.

I pazienti che erano in cura con la terapia immunomodulante hanno dovuto interrompere il trattamento, ma sono stati autorizzati a continuare l’assunzione di corticosteroidi.

Sono stati valutati gli endpoint di bioattività a 6 mesi, con follow-up a 1 anno.

Al basale, la metà dei pazienti aveva malattia in fase attiva ed era in trattamento.

Non sono stati riscontrati eventi avversi sistemici correlati al farmaco, sebbene si sia verificata reazione al sito di iniezione nei pazienti con somministrazione di Sirolimus per via sottocongiuntivale, mentre le iniezioni intravitreali sono state correlate a corpi mobili vitreali.

A 6 mesi, l’opacità del corpo vitreo è migliorata nel 36% dei pazienti trattati con Sirolimus per via intravitreale e nel 42% di quelli trattati con somministrazione sottocongiuntivale.
Tuttavia, non vi è stato alcun cambiamento nell’opacità del corpo vitreo per il 64% dei pazienti con iniezione intravitreale e per il 50% con iniezione sottocongiuntivale.

A un anno, la maggior parte dei pazienti in entrambi i gruppi ha presentato miglioramenti in questo parametro ( 71% in ciascun gruppo ).

Percentuali simili di pazienti con uveite attiva e inattiva hanno avuto miglioramenti nella opacità del corpo vitreo a 1 anno ( 70% e 75%, rispettivamente ), ma la malattia si è aggravata da quel momento per il 25% dei pazienti con uveite inattiva, rispetto a nessun peggioramento per quelli con malattia attiva.

Non ci sono stati cambiamenti reali nella acuità visiva, cresciuta di solo 2 lettere viste nel gruppo di Sirolimus sottocongiuntivale, ed è rimasta stabile nel braccio intravitreale.

Tuttavia, i pazienti sono stati in grado di ridurre la loro dose di steroidi, in particolare per le persone con malattia attiva, passando da circa 25 mg/die a 5 mg/die entro la fine di un anno.

Dallo studio è emerso che la terapia sembra essere sicura, e i dati indicano una potenziale efficacia nel controllo della uveite non-infettiva e nel ridurre la necessità di steroidi.
Sono necessari ulteriori studi per determinare il ruolo di Sirolimus nel trattamento della uveite non-infettiva. ( Xagena2012 )

Fonte: American Academy of Ophthalmology ( AAO ) Meeting, 2012


Oftalm2012 Farma2012


Indietro