Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Rischio di mortalità associato alla terapia intravitreale anti-VEGF ?


Sebbene il trattamento intravitreale anti-fattore di crescita dell'endotelio vascolare ( VEGF ) rappresenti la terapia di prima linea per molte malattie della retina, la sua sicurezza sistemica è discutibile.

Si è valutato se la terapia anti-VEGF intravitreale possa essere associata a un aumentato rischio di mortalità, e quali variabili siano associate all'aumento in una revisione sistematica e meta-analisi.
Sono stati selezionati studi clinici randomizzati che hanno confrontato il trattamento intravitreale anti-VEGF con gruppi di controllo, e con follow-up di almeno 6 mesi.

L’esito primario era il tasso di mortalità per qualsiasi causa. Gli esiti secondari includevano le seguenti variabili: tipo di farmaco, numero di iniezioni, tempo di follow-up, diagnosi e rischio cardiovascolare.

In tutto 34 studi con 8.887 partecipanti sono stati inclusi nella meta-analisi. Per l’analisi di frequenza, modelli a effetti fissi e casuali hanno prodotto stime simili ( odds ratio, OR=1.34, P=0.09, e 1.34, P=0.17, rispettivamente ).

Per l'approccio bayesiano, valori a priori non-informativi e informativi hanno prodotto risultati simili ( OR, 1.34; 0.13 probabilità di OR inferiore o uguale a 1.00 e 1.40; 0.11 probabilità di OR inferiore o uguale a 1.00, rispettivamente ).

Le analisi di meta-regressione hanno mostrato il seguente rischio per 1 iniezione in più: OR di frequenza 1.12 ( P=0.005 ) e OR bayesiano 1.06 ( 0.06 probabilità di OR inferiore o uguale a 1.00 ).

In questo studio, non è stata trovata alcuna differenza nel tasso di mortalità tra trattamento intravitreale anti-VEGF e gruppi di controllo.
Sono necessari ulteriori dati per determinare se il tasso di mortalità aumenti nei pazienti che ricevono un numero maggiore di iniezioni. ( Xagena2020 )

Reibaldi M et al, JAMA Ophthalmol 2020; 138: 50-57

Oftalm2020 Farma2020


Indietro