Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it
Ematobase.it

Rischio di fratture a seguito di intervento per la cataratta


La menomazione visiva è un fattore di rischio noto per le fratture. Poco si sa circa l'associazione tra intervento per la cataratta e il rischio di fratture.

Uno studio ha cercato di determinare l'associazione tra intervento di cataratta e il conseguente rischio di fratture nei beneficiari di Medicare negli Stati Uniti con una diagnosi di cataratta.

Lo studio retrospettivo di 1 anno ha esaminato l'incidenza di fratture in un campione casuale del 5% tra beneficiari Medicare con cataratta che hanno subito e non hanno subito l’intervento di cataratta nel periodo compreso tra il 2002 e il 2009.

La principale misura di esito era l’incidenza di fratture della anca in un anno.

Sono stati contati 1.113.640 beneficiari di Medicare di 65 anni e più con una diagnosi di cataratta tra il 2002 e il 2009 nel campione casuale del 5%; di questi pazienti, 410.809 ( 36.9% ) hanno subito un intervento di cataratta durante il periodo di studio.

In totale, 13.976 pazienti ( 1.3% ) hanno subito una frattura dell'anca durante il periodo di studio.

La comorbidità più comune legata alla frattura era l’osteoporosi ( n=134.335, 12.1% ).
La comorbidità oculare più comune era il glaucoma ( n=212.382, 19.1% ).

Rispetto all’incidenza di fratture dell'anca a 1 anno nei pazienti affetti da cataratta che non hanno subito l’intervento di cataratta, l’odds ratio ( OR ) aggiustato di frattura della anca entro 1 anno dopo l'intervento di cataratta era di 0.84, con una differenza di rischio assoluto di 0.20%.

Rispetto ai corrispondenti sottogruppi di pazienti che non hanno subito l’intervento di cataratta, i sottogruppi di pazienti che hanno presentato minore probabilità di frattura della anca dopo la chirurgia per la cataratta hanno incluso pazienti con cataratta grave, pazienti con maggiore probabilità di subire un intervento di cataratta in base al propensity score, pazienti di 75 anni e oltre, e pazienti con un punteggio CCI ( Charlson Comorbidity Index ) di 3 o superiore.

In conclusione, in una coorte di beneficiari di Medicare negli Stati Uniti di 65 anni e più con una diagnosi di cataratta, i pazienti sottoposti a intervento di cataratta avevano probabilità più basse di fratturarsi l'anca entro 1 anno dall'intervento chirurgico, rispetto ai pazienti che non erano stati sottoposti a intervento chirurgico di cataratta.
Le fratture secondarie a cadute sono una causa importante di morbilità e mortalità nella popolazione anziana, rappresentando oltre il 60% delle spese derivanti da infortuni da cadute.
La compromissione visiva è risultata fortemente associata ad un aumentato rischio di fratture, con maggiore incidenza di fratture nei pazienti con scarsa acuità visiva, percezione della profondità, sensibilità al contrasto e perdita del campo visivo.

In particolare, la visione gioca un ruolo importante nel fornire un quadro di riferimento per l'equilibrio posturale e la stabilità, e i cambiamenti nella visione indotti dalla cataratta sono stati associati a instabilità posturale. Secondo una revisione sistematica, i pazienti che aspettano più di 6 mesi per l’intervento di cataratta hanno un aumento del tasso di cadute.
Inoltre, la cataratta è la causa più comune di fratture legate a compromissione visiva, causando, se non curata, fino al 49% della disabilità visiva nei pazienti con fratture del collo del femore correlate a diminuzione della vista.

Nonostante l'associazione di scarsa visibilità e cataratta con aumento delle cadute e del rischio di frattura, solo un numero limitato di studi ha esaminato l'influenza dell’intervento di cataratta sull'incidenza delle caduta negli adulti con visione compromessa, e solo 2 di questi studi hanno esaminato l'incidenza di fratture secondarie a cadute. Questi 2 studi hanno esaminato la relazione tra primo e secondo intervento di cataratta e cadute e rischio di frattura nella stessa popolazione di donne nel Regno Unito con più di 70 anni, con dimensioni del campione inferiore a 350 pazienti in ciascuno studio. ( Xagena2012 )

Tseng VL et al, JAMA 2012; 308: 493-501


Oftalm2012 Chiru2012



Indietro