XagenaNewsletter
Medical Meeting
Xagena Mappa
Cardiobase

Ranibizumab versus laser terapia per il trattamento di neonati con peso alla nascita molto basso con retinopatia del prematuro: studio RAINBOW


Nonostante il crescente uso in tutto il mondo di agenti anti-fattore di crescita dell’endotelio vascolare ( anti-VEGF ) per il trattamento della retinopatia del prematuro ( ROP ), ci sono pochi dati sulla loro efficacia oculare, il farmaco e la dose appropriati, la necessità di un ritrattamento e la possibilità di effetti sistemici a lungo termine.
Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Ranibizumab ( Lucentis ) intravitreale rispetto alla terapia laser nel trattamento della retinopatia ROP.

È stato condotto uno studio randomizzato, in aperto, multicentrico di superiorità, a tre bracci, in 87 centri neonatali e oftalmici in 26 Paesi.
Sono stati sottoposti a screening neonati con peso alla nascita inferiore a 1.500 g che soddisfacevano i criteri per il trattamento della retinopatia e pazienti randomizzati allo stesso modo per ricevere una singola dose intravitreale bilaterale di Ranibizumab 0.2 mg oppure Ranibizumab 0.1 mg o laser terapia.
Gli individui sono stati stratificati per zona di malattia e area geografica.

L'esito primario era la sopravvivenza senza retinopatia attiva, senza esiti strutturali sfavorevoli o necessità di una diversa modalità di trattamento entro o prima di 24 settimane ( alfa bilaterale=0.05 per la superiorità di Ranibizumab 0.2 mg versus la terapia laser ).
L'analisi era per intention-to.treat.

Tra il 2015 e il 2017, sono stati assegnati in modo casuale 225 partecipanti ( Ranibizumab 0.2 mg n=74, Ranibizumab 0.1 mg n=77, terapia laser n=74 ).
7 si sono ritirati prima del trattamento ( n=1, n=1, n=5, rispettivamente ) e 17 non hanno completato il follow-up a 24 settimane, inclusi 4 decessi in ciascun gruppo.

Sono stati valutati 214 bambini per l'esito primario ( n=70, n=76, n=68, rispettivamente ).

Il successo del trattamento si è verificato in 56 bambini su 70 ( 80% ) che hanno ricevuto Ranibizumab 0.2 mg rispetto a 57 su 76 ( 75% ) che hanno ricevuto Ranibizumab 0.1 mg e 45 su 68 bambini ( 66% ) dopo terapia laser.

Utilizzando una strategia di test gerarchica, rispetto alla terapia laser, l’odds ratio ( OR ) del successo del trattamento dopo Ranibizumab 0.2 mg è stato pari a 2.19 ( P=0.051 ), e dopo Ranibizumab 0.1 mg 1.57; per Ranibizumab 0.2 mg versus 0.1 mg, l'odds ratio era pari a 1.35.

Un bambino ha avuto un esito strutturale sfavorevole dopo Ranibizumab 0.2 mg, rispetto a 5 bambini dopo Ranibizumab 0.1 mg e 7 dopo terapia laser.
La morte, gli eventi avversi sistemici gravi e non-gravi e gli eventi avversi oculari sono stati equamente distribuiti tra i tre gruppi.

Nel trattamento della retinopatia del prematuro, Ranibizumab 0.2 mg potrebbe essere superiore alla terapia laser, con meno esiti oculari sfavorevoli rispetto alla terapia laser e con un profilo di sicurezza accettabile a 24 settimane. ( Xagena2019 )

Stahl A et al, Lancet 2019; 394: 1551-1559

Oftalm2019 Pedia2019 Malrar2019 Farma2019


Indietro