XagenaNewsletter
Xagena Mappa
Medical Meeting
Dermabase.it

Predittori basali per esiti visivi a 1 anno con Ranibizumab o Bevacizumab per degenerazione maculare senile neovascolare


Sono stati determinati i predittori basali degli esiti di acuità visiva 1 anno dopo il trattamento con Ranibizumab ( Lucentis ) e Bevacizumab ( Avastin ) per la degenerazione maculare senile ( AMD ) neovascolare.

Uno studio di coorte nell’ambito degli studi Comparison of Age-related Macular Degeneration Treatments Trials ( CATT ) ha coinvolto in totale 1.105 partecipanti con degenerazione maculare neovascolare correlata all’età, acuità visiva basale 20/25 fino a 20/320 e acuità visiva misurata a 1 anno.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a Ranibizumab o Bevacizumab una volta al mese o quando necessario.

Sono state valutate in cieco la morfologia del fundus e le caratteristiche sulla tomografia a coerenza ottica ( OCT ).
L'acuità visiva è stata misurata mediante test di acuità visiva elettronico.

Le principali misure di esito sono state il punteggio di acuità visiva, il cambiamento del punteggio di acuità visiva rispetto al basale e un aumento di 3 linee o più a 1 anno.

A 1 anno, il punteggio medio di acuità visiva è stato di 68 lettere, il miglioramento medio dal basale è stato di 7 lettere e il 28% dei partecipanti ha guadagnato 3 linee o più. L'età avanzata, una più grande area di neovascolarizzazione coroidale ( CNV ) e l'elevazione del epitelio pigmentato retinico ( RPE ) sono stati associati a peggiore acuità visiva ( tutti P inferiori a 0.005 ), meno guadagno nella acuità visiva ( tutti P inferiori a 0.02 ) e una percentuale minore che ha guadagnato 3 linee o più ( tutti P inferiori a 0.04 ).

Una migliore acuità visiva al basale è stata associata a una migliore acuità visiva a 1 anno, minore guadagno nella acuità visiva e una percentuale minore che ha guadagnato 3 linee o più ( tutti P inferiore a 0.0001 ).

Lesioni prevalentemente o minimamente classiche sono state associate a peggiore acuità visiva rispetto alle lesioni occulte ( 66 vs 69 lettere, P=0.0003 ).

Lesioni retiniche angiomatose proliferanti ( RAP ) sono state associate a un maggiore guadagno nella acuità visiva ( 10 vs 7 lettere, P=0.03 ) e a una percentuale più alta che ha guadagnato 3 linee o più ( odds ratio, OR=1.9 ).

La atrofia geografica ( GA ) è stata associata a una peggiore acuità visiva ( 64 vs 68 lettere, P=0.02 ).

Gli occhi con spessore totale della fovea nel secondo quartile ( 325-425 micron ) hanno avuto la migliore acuità visiva ( P=0.01 ) e hanno avuto più probabilità di aumentare di 3 linee o più ( P=0.004 ).

I predittori non sono variati per gruppo di trattamento.

In conclusione, per tutti i gruppi di trattamento, l'età avanzata, la migliore acuità visiva basale, la più grande area di neovascolarizzazione coroideale, la lesione prevalentemente o minimamente classica, l’assenza di lesioni retiniche angiomatose proliferanti, la presenza di atrofia geografica, il maggiore spessore totale della fovea, e l’elevazione del epitelio pigmentato retinico alla tomografia a coerenza ottica sono risultate indipendentemente associate a un più ridotto miglioramento della acuità visiva a 1 anno. ( Xagena2013 )

Ying GS et al, Ophthalmology 2013; 120: 122-129

Oftalm2013 Farma2013


Indietro