Xagena Mappa
Medical Meeting
Dermabase.it
Mediexplorer.it

Perdita del campo visivo in pazienti affetti da retinite da citomegalovirus


È stato compiuto uno studio osservazionale, prospettico, multicentrico, con l’obiettivo di descrivere la perdita del campo visivo tra i pazienti con retinite da citomegalovirus e i fattori di rischio per tale perdita.

Sono stati reclutati in totale 476 pazienti con AIDS e retinite da citomegalovirus, con dati sul campo visivo.
Il follow-up è stato eseguito ogni 3 mesi, con anamnesi, esame oftalmologico, campo visivo di Goldmann, e prove di laboratorio.

Le principali misure di esito erano l'incidenza di perdita del campo visivo in occhi affetti da retinite da citomegalovirus e le caratteristiche associate a tale perdita.

In un periodo di follow-up di 4 anni ( range 0.5-9 anni ), i tassi di incidenza di perdita del campo visivo al 75% e 50% del normale sono stati 0.22 per occhio all’anno e 0.08 per occhio all’anno, rispettivamente.
I tassi osservati sono stati da 6 a 7 volte inferiori rispetto ai tassi di perdita del campo visivo osservati nell'epoca precedente alla terapia antiretrovirale altamente attiva.

Una diminuzione nella conta delle cellule T CD4+ dal momento dell'arruolamento è stata associata ad aumento del tasso di perdita del campo visivo.

I fattori di rischio per perdita del campo visivo includevano una più bassa conta delle cellule T CD4+, una dimensione della lesione da citomegalovirus maggiore del 25% della superficie retinica totale, e retinite da citomegalovirus attiva dopo controllo per potenziali fattori di confondimento.

La terapia antiretrovirale altamente attiva ed il ripristino del sistema immunitario ( conta delle cellule T CD4+ superiore a 100 cellule/mL ) sono stati associati a ridotto rischio di perdita del campo visivo nei modelli di regressione multipla.

Il ripristino della risposta immunitaria è risultato statisticamente associato in modo significativo a un minore rischio di perdita del campo visivo al 75% del normale ( rischio relativo, RR=0.63; p=0.003 ) e al 50% del normale ( RR=0.60; p=0.001 ) dopo il controllo per caratteristiche demografiche, carica virale di HIV, uso della terapia antiretrovirale altamente attiva, sede e dimensione della lesione da citomegalovirus e attività della retinite.

In conclusione la retinite da citomegalovirus è stata associata a un rischio sostanziale di perdita incidente del campo visivo, ma l'incidenza è stata inferiore di circa 6 volte rispetto a quella osservata nel periodo precedente all’introduzione della terapia antiretrovirale altamente attiva.
Coloro che hanno presentato un recupero immunitario indotto dalla terapia antiretrovirale altamente attiva hanno avuto approssimativamente un rischio più basso del 40% di perdita del campo visivo per entrambe le misure di esito dopo aggiustamento per i fattori di confondimento. ( Xagena2011 )

Thorne JE et al, Ophthalmology 2011;118:895-901

Oftalm2011 Inf2011



Indietro