Xagena Mappa
Medical Meeting
Dermabase.it
Onco News

Integrazione di Acidi grassi n-3 per il trattamento della malattia dell'occhio secco


La malattia dell'occhio secco è una condizione cronica comune caratterizzata da disturbi oculari e disturbi visivi che riducono la qualità della vita.
Molti medici raccomandano l'uso di integratori di Acidi grassi n-3 ( spesso chiamati Acidi grassi Omega-3 ) per alleviare i sintomi.

In uno studio clinico multicentrico, in doppio cieco, sono stati assegnati casualmente pazienti con malattia dell'occhio secco da moderata a grave a ricevere una dose orale giornaliera di 3.000 mg di Acido n-3 eicosapentaenoico ( EPA ) e Acido docosaesaenoico ( DHA ) derivati ​​dal pesce ( gruppo di integratori attivi ) o un placebo di olio d'oliva ( gruppo placebo ).

L'esito primario era il cambiamento medio rispetto al basale nel punteggio OSDI ( Ocular Surface Disease Index; punteggi da 0 a 100, con punteggi più alti che indicano una maggiore gravità dei sintomi ), che si basava sulla media dei punteggi ottenuti a 6 e 12 mesi.

Gli esiti secondari includevano cambiamenti medi per occhio nel punteggio della colorazione congiuntivale ( compreso tra 0 e 6 ) e il punteggio della colorazione corneale ( compreso tra 0 e 15 ), con punteggi più alti che indicavano danni più gravi alla superficie oculare, nonché variazioni medie nel tempo di rottura lacrimale ( secondi tra un battito di ciglia e lacune nel film lacrimale ) e il risultato del test di Schirmer ( lunghezza del segno di bagnatura delle strisce di carta poste sulla palpebra inferiore ), con valori più bassi che indicavano segni più gravi.

In totale 349 pazienti sono stati assegnati al gruppo integratori attivi e 186 al gruppo placebo; l'analisi primaria ha compreso. rispettivamente, 329 e 170 pazienti.

La variazione media nel punteggio OSDI non è stata significativamente diversa tra il gruppo di integratori attivi e il gruppo placebo ( -13.9 punti e -12.5 punti, rispettivamente, differenza media nella variazione dopo l'imputazione dei dati mancanti, -1.9 punti, P=0.21 ).

Il risultato è stato coerente tra sottogruppi prespecificati. Non ci sono state differenze significative tra il gruppo di integratori attivi e il gruppo placebo nei cambiamenti medi rispetto al basale nel punteggio di colorazione congiuntivale ( differenza media nel cambiamento, 0.0 punti ), punteggio di colorazione corneale ( 0.1 punti ), tempo di rottura lacrima ( 0.2 secondi ), e risultato sul test di Schirmer ( 0.0 mm ).

A 12 mesi, il tasso di aderenza al trattamento nel gruppo con integratori attivi è stato dell'85.2%, in base al livello di Acidi grassi n-3 nei globuli rossi.

I tassi di eventi avversi sono stati simili nei due gruppi di studio.

Tra i pazienti con malattia dell'occhio secco, quelli che sono stati assegnati in modo casuale a ricevere integratori contenenti 3.000 mg di Acidi grassi n-3 per 12 mesi non hanno presentato esiti significativamente migliori rispetto a quelli che sono stati assegnati a ricevere placebo. ( Xagena2018 )

The Dry Eye Assessment and Management Study Research Group, N Engl J Med 2018; 378: 1681-1690

Nutri2018 Oftalm2018 Farma2018


Indietro