Xagena Mappa
Medical Meeting
Pneumobase.it
Neurobase.it

Incidenza, fattori di rischio e gestione della cecità dopo chirurgia orbitale


Una grave perdita della vista è un rischio della chirurgia orbitale che i medici dovrebbero fare presente ai pazienti, ma il tasso di rischio complessivo non è noto.
È stata condotta una revisione retrospettiva per determinare il rischio di grave perdita della vista correlata alla chirurgia orbitale.

Sono state selezionati pazienti sottoposti a chirurgia orbitale in due Centri medici accademici tra il 1994 e il 2014.
Sono state analizzate le cartelle cliniche per determinare la storia demografica e la storia medica di base, la procedura chirurgica, la gestione intraoperatoria e perioperatoria e l'acuità visiva.

I pazienti con acuità visiva preoperatoria maggiore o uguale a 20/200 che peggioravano fino a minore o uguale a 20/400 dopo chirurgia orbitale sono stati inclusi per una revisione dettagliata.

L’esito principale era l’acuità visiva dopo chirurgia orbitale.

In totale 1.665 pazienti sono stati sottoposti a chirurgia orbitale durante il periodo di inclusione, con 14 pazienti che hanno riportato grave perdita della vista che andava dal conteggio delle dita a 30 cm di distanza fino alla percezione della luce ( rischio complessivo, 0.84% ).

Le cause della perdita della vista includevano emorragia retrobulbare, impianto posizionato male, ischemia del nervo ottico o danno diretto del nervo ottico.

Stratificando per approccio chirurgico, il rischio di una complicanza chirurgica con cecità era significativamente più alto per i pazienti sottoposti a riparazione orbitaria nel contesto di fratture facciali multiple ( rischio di sottogruppo, 6.45% ), decompressione ossea del canale ottico ( rischio di sottogruppo, 15.6% ), o approccio intracranico al tetto orbitale ( rischio di sottogruppo, 18.2% ).

7 pazienti su 8 con una causa potenzialmente reversibile di perdita della visione postoperatoria sono stati sottoposti a chirurgia ripetuta urgente, e 2 hanno riacquistato una visione sostanziale ( 20/20 e 20/25 ).

La somministrazione di corticosteroidi per via endovenosa non ha avuto effetti significativi sull'esito dell'acuità visiva.

Il rischio complessivo di grave perdita della vista dopo chirurgia orbitale è dello 0.84%. Il rischio di sottogruppo è più alto nei pazienti sottoposti a riparazione di politrauma facciale, decompressione del canale ottico o chirurgia dell'apice orbitale da un approccio intracranico.
Il monitoraggio postoperatorio e la valutazione e la gestione urgenti della perdita della vista acuta possono migliorare l'esito visivo in alcuni pazienti. ( Xagena2018 )

Jacobs SM et al, Ophthalmology 2018; 125: 1100-1108

Oftalm2018 Chiru2018



Indietro