Xagena Mappa
Medical Meeting
Pneumobase.it
Xagena Salute

Incidenza di nuova neovascolarizzazione coroidale negli occhi compagni di pazienti con degenerazione maculare senile trattata per via intravitreale con Aflibercept o Ranibizumab


L'incidenza della conversione a degenerazione maculare senile neovascolare ( nAMD ) nell’altro occhio non-trattato di pazienti trattati per nAMD in un occhio con agenti anti-VEGF ( fattore di crescita dell'endotelio vascolare ) ha fornito importanti informazioni prognostiche per la gestione clinica dei pazienti.

È stata esaminata l'associazione tra assegnazione del trattamento ( Aflibercept [ Eylea ] versus Ranibizumab [ Lucentis ], per via intravitreale ) e caratteristiche di base con la conversione dell'occhio in nAMD negli studi VEGF ( Vascular Endothelial Growth Factor ) Trap-Eye: Investigation of Efficacy and Safety in Wet AMD ( VIEW ).

Una analisi post hoc degli studi VIEW 1 e VIEW 2 ( studi randomizzati, in doppio cieco, con controllo attivo, multicentrici, di 96 settimane, di fase 3, di confronto per l'efficacia e la sicurezza di Aflibercept intravitreale in 2.457 pazienti con occhi naive al trattamento con nAMD ) ha analizzato un sottogruppo di partecipanti trattati per degenerazione maculare senile neovascolare in 1 occhio che non avevano trattato l’altro occhio senza neovascolarizzazione al basale.

Tutti i partecipanti agli studi VIEW sono stati inclusi in 1 di 4 gruppi: Ranibizumab, 0.5 mg, ogni 4 settimane; Aflibercept, 2 mg, ogni 4 settimane; Aflibercept, 0.5 mg, ogni 4 settimane; o Aflibercept, 2 mg, ogni 8 settimane dopo 3 iniezioni a intervalli di 4 settimane.
La raccolta dei dati negli studi VIEW è avvenuta dal 2007 al 2011.

I pazienti non hanno ricevuto alcun trattamento negli altri occhi se non dopo la conversione in degenerazione maculare senile neovascolare, quando qualsiasi trattamento approvato dalle Autorità sanitarie è stato somministrato a discrezione degli investigatori.

L’esito principale era la l’incidenza della conversione in degenerazione maculare senile neovascolare nei pazienti con l’altro occhio non-trattato che non avevano avuto segni clinici di neovascolarizzazione al basale.

In totale 1.561 partecipanti sono stati inclusi in questa analisi.

A 96 settimane, 375 pazienti ( 24.0% ) hanno manifestato casi di conversione a patologie neovascolari nell'occhio compagno, inclusi 107 soggetti su 399 che hanno ricevuto Ranibizumab, 0.5 mg, ogni 4 settimane; 93 dei 387 individui che hanno ricevuto Aflibercept, 2 mg, ogni 4 settimane; 84 dei 387 individui che hanno ricevuto Aflibercept, 0.5 mg, ogni 4 settimane; e 91 dei 388 individui che hanno ricevuto Aflibercept, 2 mg, ogni 8 settimane dopo 3 dosi a intervalli di 4 settimane.

I tassi erano 18.1, 16.2, 14.7 e 16.0 per 100 anni-paziente a rischio alla settimana 96, rispettivamente.

All'analisi multivariata, la conversione dell'altro occhio è stata associata all'aumento dell'età del paziente ( per 10 anni ) al basale ( hazard ratio HR, 1.20 ), sesso femminile ( HR, 1.32 ), fluido intraretinale nell'occhio di studio al basale (HR, 1.28 ) e aumento della dimensione della lesione di neovascolarizzazione coroideale ( per 10 mm2 ) nell'occhio dello studio al basale ( HR, 1.29 ).
I tassi di conversione degli altri occhi sono risultati simili con entrambi i trattamenti.

In questa analisi secondaria di dati di studi clinici randomizzati, i pazienti con degenerazione maculare senile neovascolare attiva in 1 occhio sembravano avere un rischio elevato per la conversione dell'altro occhio.
Tali pazienti devono essere attentamente monitorati. ( Xagena2019 )

Parikh R et al, JAMA Ophthalmol 2019; 137: 914-920

Oftalm2019 Farma2019


Indietro