XagenaNewsletter
Xagena Mappa
Medical Meeting
Dermabase.it

I farmaci ipolipemizzanti sono associati a un minore rischio di retinopatia e interventi oftalmici tra i pazienti con diabete negli Stati Uniti


È stato valutato l'impatto dei farmaci ipolipemizzanti sulla retinopatia diabetica e le complicanze diabetiche che richiedono un intervento nella popolazione degli Stati Uniti in una analisi di coorte retrospettiva.

Le richieste di risarcimento per le assicurazioni sanitarie sono state tratte dai database Truven MarketScan Commercial Claims and Encounters.
La popolazione era composta da beneficiari affetti da diabete mellito di tipo 2 ( T2DM ).

Le principali misure di esito erano qualsiasi segno di retinopatia diabetica, misurato da codici diagnostici per retinopatia diabetica non-proliferativa ( NPDR ), retinopatia diabetica proliferativa ( PDR ) o edema maculare diabetico ( DME ) e codici di procedura per trattamenti di retinopatia ( iniezioni di anti-VEGF, laser terapia e vitrectomia ).

È stata analizzata una popolazione di 269.782 pazienti con diagnosi di diabete di tipo 2 tra il 2008 e il 2015.

In totale 99.233 pazienti ( 37% ) erano sottoposti a trattamento con farmaci ipolipemizzanti. Circa il 6% dei pazienti che assumevano farmaci ipolipemizzanti aveva un codice diagnostico per NPDR, PDR o DME o un codice procedurale per iniezioni intravitreali, vitrectomia della pars plana ( PPV ) o trattamento laser dopo diagnosi con diabete rispetto al 6.5% di pazienti che non assumevano farmaci ipolipemizzanti ( P minore di 0.01 ).

Nelle analisi time-to-event aggiustate, i pazienti che assumevano farmaci ipolipemizzanti prima della diagnosi di diabete di tipo 2 avevano meno probabilità di progredire verso qualsiasi diagnosi di retinopatia ( hazard ratio HR, 0.60 ) e meno probabilità di ricevere qualsiasi trattamento per la retinopatia ( HR, 0.81 ).

Questi risultati erano significativi a livello aggregato, a livello individuale di diagnosi ( NPDR HR, 0.63; PDR HR, 0.45; e DME HR, 0.39 ) e a livello di ciascuna categoria di trattamento ( iniezione anti-VEGF HR, 0.81; laser HR, 0.62; e vitrectomia HR, 0.71 ).

Questo studio ha trovato prove costanti che i pazienti che assumono farmaci ipolipemizzanti hanno meno probabilità di sviluppare NPDR, PDR o DME e prove modeste che questi pazienti hanno meno probabilità di ricevere iniezioni intravitreali di farmaci anti-VEGF, trattamenti laser o vitrectomia.

Lo studio ha convalidato i risultati di studi che hanno utilizzato simili database in Asia orientale in popolazioni relativamente omogenee per stimare una associazione tra uso di statine e retinopatia, replicandoli in un contesto statunitense in un ampio database assicurativo. ( Xagena2019 )

Vail D et al, Am J Ophthalmology 2019; 207: 378-384

Oftalm2019 Endo2019 Farma2019


Indietro