Xagena Mappa
Medical Meeting
XagenaNewsletter
Cardiobase

I cambiamenti nella microcircolazione retinica precedono l'inizio clinico della retinopatia diabetica nei bambini con diabete mellito di tipo 1


Si è determinato se l'anormale metabolismo del glucosio nel diabete mellito influenzi la microcircolazione retinica dei bambini con diabetedi tipo 1 ben controllato e sono stati confrontati questi risultati con quelli ottenuti da bambini sani in uno studio prospettico trasversale.

Lo studio ha arruolato 60 pazienti con diabete mellito senza retinopatia diabetica clinicamente rilevabile e 57 soggetti di controllo abbinati per età.

L'angiografia con tomografia ottica computerizzata ( OCT-A ) è stata eseguita utilizzando AngioVue ( Avanti, Optivue ).

Sono stati analizzati area della zona avascolare foveale ( FAZ ), area di non-flusso, densità dei vasi superficiali e profondi, perimetro della zona avascolare foveale, indice di acircolarità della zona avascolare foveale ( AI; ​​rapporto tra il perimetro di zona avascolare foveale e il perimetro di un cerchio con uguale area ) e densità della fovea ( FD-300; densità del vaso in 300 micron attorno alla zona avascolare foveale ).

Le correlazioni tra i parametri OCT-A studiati, la durata del diabete mellito e i livelli di emoglobina glicata ( HbA1c ) sono stati valutati tra i pazienti con diabete di tipo 1.

Le differenze nei valori medi per perimetro di zona avascolare foveale, rapporto AI e FD-300 sono risultate statisticamente significative tra il gruppo diabete e il gruppo di controllo ( P minore di 0.001, P=0.001 e P=0.009, rispettivamente ).

Ci sono state anche differenze statisticamente significative tra i gruppi per densità dei vasi di emi-parafovea superiore profonda, parafovea temporale profonda e zone parafoveali superiori profonde ( P=0.008, P=0.015 e P=0.005, rispettivamente ).

Non ci sono state correlazioni significative tra la durata del diabete e i livelli di HbA1c con i parametri OCT-A studiati.

Gli occhi diabetici senza retinopatia diabetica clinicamente rilevabile hanno mostrato alterazioni di FD-300, rapporto AI, perimetro e densità dei vasi dei capillari parafoveali nel plesso capillare profondo prima dell'ingrandimento della zona avascolare foveale.
Pertanto, questi nuovi parametri potrebbero essere biomarcatori di imaging sensibili per definire la retinopatia diabetica in fase precoce. ( Xagena2019 )

Inanc M et al, Am J Ophthalmology 2019; 207: 37-44

Oftalm2019 Endo2019 Pedia2019



Indietro