Xagena Mappa
Medical Meeting
Onco News
Xagena Salute

Gli steroidi topici non sono utili nelle ulcere corneali


Uno studio randomizzato ha mostrato che la risposta delle ulcere corneali batteriche agli steroidi topici aggiuntivi non è stata migliore del placebo.
Dopo 3 mesi di trattamento, la acuità visiva era simile tra i pazienti trattati con steroidi topici e quelli assegnati al gruppo placebo.
Gli infiltrati o le dimensioni della cicatrice, il tempo di riepitelizzazione e la frequenza di perforazione corneale, inoltre, non sono risultate diverse tra i gruppi di trattamento.

Un’analisi dei sottogruppi ha suggerito un potenziale beneficio degli steroidi topici nei pazienti che avevano ulcere più gravi al basale.

L'uso degli steroidi topici per il trattamento delle ulcere corneali è rimasto controverso per decenni.
Alla base c’è la potenziale capacità degli steroidi di ridurre i danni immuno-mediati, e nelle evidenze di efficacia in alcune infezioni sistemiche batteriche.

Nel tentativo di risolvere l'incertezza, un gruppo di ricercatori ha condotto lo studio SCUT ( Steroids for Corneal Ulcers Trial ).
Sono stati arruolati 500 pazienti con ulcere della cornea positive alla coltura batterica, che avevano usato Moxifloxacina topica per 48 ore.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Prednisolone fosfato 1% oppure placebo in aggiunta alla Moxifloxacina, e sono stati seguiti per 3 mesi.

L'endpoint primario era la migliore acuità visiva alla fine dello studio.
Gli esiti secondari comprendevano eventi avversi; infiltrati / dimensioni della cicatrice; acuità visiva corretta con lenti a contatto rigide a 3 settimane, 3 mesi e a 12 mesi; tempo di risoluzione del difetto epiteliale, e migliore acuità visiva corretta a 3 settimane e a 12 mesi.

I lavoratori agricoli hanno rappresentato la maggior parte dei partecipanti allo studio ( 44% ) e i materiali vegetali erano la fonte più comune di lesioni.
L’acuità visiva al basale non era diversa tra i pazienti provenienti dagli Stati Uniti o dall’India.
Gli infiltrati / dimensioni della cicatrice erano più grandi tra i partecipanti provenienti dall’India ( P=0.04 ), che avevano anche lesioni classificate come significativamente più profonde ( P=0.04 ) e centrali ( P=0.002 ).

Un modello di regressione lineare multipla non ha mostrato alcuna differenza tra i gruppi di trattamento nell’esito primario ( P=0.49 ).

I gruppi, inoltre, non hanno mostrato differenze significative per quanto riguardava: infiltrati / dimensione della cicatrice a 3 settimane o 3 mesi ( P=0.60, P=0.40, rispettivamente ); tempo mediano alla riepitelizzazione ( 7 giorni con il placebo e 7.5 giorni con steroidi ); guarigione a 3 mesi ( P=0.73 ).

Il tasso di guarigione a 3 settimane ha favorito il braccio placebo ( P=0.04 ).

Per quanto riguarda gli eventi avversi, il tasso di perforazione è risultato simile tra i gruppi.

Più pazienti nel braccio placebo hanno avuto pressione intraoculare superiore a 25 mmHg, ma inferiore a 35 mmHg.

Più pazienti trattati con placebo hanno interrotto il trattamento ( 11 contro 6 ) e 9 su 11 interruzioni nel gruppo placebo sono state attribuite al peggioramento delle ulcerazione o perforazioni.

Una proporzione simile di pazienti in ciascun gruppo ha avuto modifiche della terapia antibiotica e ha richiesto una cheratoplastica penetrante.

Un’analisi di sottogruppi prespecificati ha mostrato un significativo beneficio nell’aggiunta degli steroidi nei pazienti con acuità visiva di base peggiore, lesioni situate in posizione centrale e lesioni più profonde ( P=0.04 fino a P=0.03 ).

I risultati dello studio SCUT non hanno dimostrato alcun beneficio evidente nell'uso dei corticosteroidi nella popolazione generale dello studio. ( Xagena2011 )

Fonte: Archives of Ophthalmology, 2011

Farma2011 Oftalm2011 Inf2011


Indietro