Xagena Mappa
Medical Meeting
Ematobase.it
Onco News

Fotocoagulazione panretinica versus Ranibizumab per retinopatia diabetica proliferativa


Sono stati identificati i fattori di base associati al cambiamento dell'acuità visiva o allo sviluppo di edema maculare diabetico ( DME ) con danno della visione centrale nell’arco di 2 anni nel trattamento della retinopatia diabetica proliferativa ( PDR ) con Ranibizumab ( Lucentis ) o fotocoagulazione panretinica ( PRP ).

È stata condotta una analisi post hoc di dati di studi clinici randomizzati e multicentrici che ha coinvolto gli occhi di partecipanti che avevano completato la visita a 2 anni ( n=328 ) o senza edema maculare diabetico con compromissione della visione centrale al basale ( n=302 ) nel Diabetic Retinopathy Clinical Research Network Protocol S.

È stato somministrato Ranibizumab intravitreale ( 0.5 mg/0.05 ml ) o fotocoagulazione panretinica.

Le principali misure di esito erano il cambiamento dell'acuità visiva ( area sotto la curva ) e lo sviluppo di edema maculare diabetico con deficit di visione centrale ( 20/32 o peggiore ) nel corso di 2 anni.

Dopo aggiustamento per l'acuità visiva di riferimento e lo spessore del sottocampo centrale, non sono stati identificati fattori associati al cambiamento dell'acuità visiva o allo sviluppo di edema maculare diabetico con deficit di visione centrale nel gruppo Ranibizumab.

Nel gruppo fotocoagulazione panretinica, un peggioramento nell'acuità visiva è risultato più probabile con un più alto livello di emoglobina glicata [ HbA1c ] ( -0.6 lettere per aumento dell'1%, P continuo=0.03 ), più grave retinopatia diabetica ( differenza tra PDR ad alto rischio o peggiore vs PDR moderata o migliore, -2.8 lettere, P continuo=0.003 ) e pressione arteriosa media più alta ( differenza tra maggiore o uguale a 100 mm Hg vs inferiore a 100 mm Hg, -2.0 lettere, P continuo=0.009 ).

Lo sviluppo di edema maculare diabetico con compromissione della visione centrale è stato più probabile con un più alto livello di emoglobina glicata ( hazard ratio, HR per aumento dell'1%, 1.31, P continuo minore di 0.001 ), più grave retinopatia diabetica ( HR per PDR ad alto rischio o peggiore vs PDR moderata o migliore, 1.46, P continuo=0.03 ) e la presenza di anomalie cistoidi entro 500 microm dal centro della macula ( HR, 2.90, P=0.006 ).

In conclusione, per gli occhi gestiti con fotocoagulazione panretinica, livelli più alti di emoglobina glicata e più grave retinopatia diabetica sono stati associati a un minore miglioramento della visione e a un aumentato rischio di sviluppo di edema maculare diabetico con compromissione della visione centrale.
Durante la gestione della retinopatia diabetica proliferativa con Ranibizumab, gli occhi hanno acquisito una visione, in media, senza caratteristiche di base identificate come associate ad esiti di acuità visiva o esiti di edema maculare diabetico con coinvolgimento della visione centrale. ( Xagena2018 )

Bressler SB et al, Ophtalmology 2018; 125: 1776-1783

Oftalm2018 Endo2018 Farma2018


Indietro