Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it
Neurobase.it

Follow-up clinico longitudinale e spettro genetico dei pazienti con distrofia dei coni e dei bastoncelli associata a mutazioni in PDE6A e PDE6B


Per la modellizzazione della malattia è necessaria una caratterizzazione fenotipica precisa delle distrofie retiniche come base per futuri interventi terapeutici.

Sono stati confrontati genotipo, fenotipo e alterazioni strutturali nei pazienti con distrofia dei coni e dei bastoncelli associata a mutazioni in PDE6A o PDE6B.

In uno studio di coorte retrospettivo condotto a Parigi dal 2007 al 2017, 54 pazienti di una coorte di 1.095 pazienti indice con distrofia dei coni e dei bastoncelli sono stati sottoposti a esame clinico, che ha incluso storia personale e familiare, miglior acuità visiva corretta ( BCVA ), visione dei colori, esame con lampada a fessura, elettroretinografia a campo pieno, campi visivi cinetici, retinofotografia, tomografia ottica computerizzata, autofluorescenza del fondo vicino all'infrarosso e imaging dell'autofluorescenza del fondo a lunghezza d'onda corta.

La genotipizzazione è stata eseguita utilizzando l'analisi dei microarray, il sequenziamento mirato di nuova generazione e la validazione del sequenziamento Sanger con segregazione familiare, quando possibile.

Gli esiti principali erano il confronto di fenotipo e genotipo dei pazienti portatori di mutazioni in PDE6A o PDE6B.

Dei 54 pazienti inclusi nello studio, 19 pazienti di 17 famiglie ( 11 donne, 58%; età media alla diagnosi, 14.83 anni ) presentavano mutazioni patogene in PDE6A, e 35 pazienti di 26 famiglie ( 17 donne, 49%; età media alla diagnosi, 21.10 anni ) presentavano mutazioni in PDE6B, con prevalenze rispettivamente dell'1.6% e del 2.4%.

Tra le 49 varianti genetiche identificate, 14 in PDE6A e 15 in PDE6B erano nuove.

Nel complesso, l'analisi fenotipica non ha rivelato differenze sostanziali tra i due gruppi ad eccezione della cecità notturna come sintomo di presentazione che è stato notato essere più prevalente nel gruppo PDE6A rispetto al gruppo PDE6B ( 80% vs 37%, rispettivamente; P=0.005 ).

La riduzione media di miglior acuità visiva corretta binoculare e campo visivo nel tempo ( misurata come coefficienti di pendenza individuale media ) era comparabile tra i pazienti con mutazioni PDE6A e PDE6B: 0.04 vs 0.02 per BCVA ( P=0.89 ) e 14.33 vs 13.27 per campi visivi ( P=0.48 ).

Mutazioni di rilevanza in PDE6A e PDE6B hanno rappresentato rispettivamente l'1.6% e il 2.4% in una coorte di pazienti francesi con distrofia dei coni e dei bastoncelli.
I risultati funzionali e strutturali riportati possono costituire la base della modellizzazione della malattia che potrebbe essere utilizzata per una migliore stima prognostica e selezione dei candidati per il salvataggio terapeutico dei fotorecettori. ( Xagena2019 )

Khateb S et al, JAMA Ophthalmol 2019; 137: 669-679

Oftalm2019



Indietro