Xagena Mappa
Medical Meeting
Onco News
Mediexplorer.it

Esposizione minima alla chemioterapia intra-arteriosa nella gestione del retinoblastoma


È stato effettuato uno studio retrospettivo, non-randomizzato, interventistico su una serie di casi per valutare l'efficacia di meno di 3 cicli di chemioterapia intra-arteriosa ( IAC ) per il retinoblastoma.

Le principali misure di esito erano il controllo del tumore e il salvataggio del bulbo oculare.

Un totale di 8 pazienti hanno ricevuto meno di 3 cicli di chemioterapia intrarteriosa per retinoblastoma, perché c'era un completo controllo del tumore con assenza di tumore residuo vitale ( n=7 ) o scarsa risposta ( n=1 ), con poca speranza che una ulteriore terapia fosse di giovamento al paziente.
In 3 casi, una compromissione vascolare supplementare ha precluso una ulteriore chemioterapia intra-arteriosa.

Il trattamento è stato primario in 6 casi e secondario dopo fallimento di altri trattamenti in 2 casi.

Gli 8 occhi sono stati classificati ( International Classification of Retinoblastoma ) come gruppo C ( n=2 ), gruppo D ( n=3 ), gruppo E ( n=1 ) e trattamento secondario ( n=2 ).

A un primo esame, il tumore principale ha mostrato un diametro medio basale di 16 mm, uno spessore di 8.6 millimetri, masse tumorali nel corpo vitreo ( n=2 ), masse tumorali sottoretiniche ( n=6 ) e neovascolarizzazione dell'iride ( n=1 ).

Tre pazienti sono stati trattati con un singolo ciclo di chemioterapia intrarteriosa e 5 pazienti sono stati trattati con 2 cicli di chemioterapia intrarteriosa.

Dopo chemioterapia intra-arteriosa, una risposta tumorale completa è stata trovata in 7 occhi ( 88% ) e una risposta parziale è stata riscontrata in 1 occhio ( 13% ).

In una media di 13 mesi di follow-up, si è verificata recidiva del tumore intraretinico ( n=1 ), recidiva delle masse sottoretiniche ( n=1 ) e nessun caso di recidiva delle masse nel corpo vitreo.

Il salvataggio del bulbo oculare è stato raggiunto in 2 occhi su 2 del gruppo C ( 100% ), in 3 occhi su 3 del gruppo D ( 100% ), in 0 occhi su 1 occhio del gruppo E ( 0% ) e in 1 occhio su 2 con trattamento secondario ( 50% ).

Il salvataggio del bulbo oculare è stato raggiunto in 6 occhi su 8 ( 75% ), e 2 occhi su 8 ( 25% ) hanno richiesto enucleazione.

In conclusione, uno o due cicli di chemioterapia intra-arteriosa possono essere sufficienti per occhi selezionati con retinoblastoma di gruppo C o D, con notevole controllo del tumore. ( Xagena2012 )

Shields CL et al, Ophtalmology 2012; 119: 188-192


Oftalm2012 Onco2012 Farma2012


Indietro