Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it
Gastrobase.it

Esiti visivi e complicanze intraoperatorie della chirurgia della cataratta postvitrectomia


Sono stati analizzati gli esiti visivi e il tasso di complicanze intraoperatorie della chirurgia di facoemulsificazione dopo una precedente vitrectomia della pars plana in uno studio di database retrospettivo e multicentrico.

Gli occhi dei partecipanti sono stati sottoposti a facoemulsificazione tra il 2005 e il 2015 in 8 Centri nel Regno Unito.
Gli occhi nello studio sono stati classificati come vitrectomizzati ( gruppo vitrectomia della pars plana precedente ) o non-vitrectomizzati ( gruppo di riferimento ) a seconda dello stato del vitreo al momento dell'intervento di cataratta.

Sono stati esclusi gli occhi con interventi chirurgici intraoculari multipli o anamnesi di malattie oculari note per causare progressione della cataratta o un aumentato rischio di complicanze intraoperatorie durante la facoemulsificazione.

Le principali misure di esito erano: il logaritmo dell'acuità visiva dell'angolo minimo di risoluzione ( logMAR ), la frequenza delle complicanze intraoperatorie e l'intervallo di tempo per la chirurgia della cataratta.

Gli occhi nel gruppo vitrectomia della pars plana precedente ( n=2.221 ) presentavano una peggiore acuità visiva preoperatoria in logMAR ( 0.96 vs 0.62, P minore di 0.0001 ), appartenevano a pazienti più giovani e presentavano lunghezze assiali più lunghe rispetto al gruppo non-vitrectomizzato ( n=136.533 ).

In tutti i momenti postoperatori misurati fino a 24 settimane, la visione media era più scarsa nel gruppo vitrectomia della pars plana precedente ( 0.41 vs 0.17 a 4-12 settimane, P minore di 0.0001 ) e una percentuale minore di occhi ha raggiunto acuità visiva postoperatoria inferiore o uguale a 0.30 logMAR ( Snellen, maggiore o uguale a 20/40 ) ( 60.8% vs 86.5% a 4-12 settimane, P minore di 0.0001 ).

Il tasso di rottura capsulare posteriore non è stato diverso nei gruppi vitrectomia della pars plana precedente ( 1.5% ) e non-vitrectomizzato ( 1.7% ), ma l'incidenza della dialisi zonulare ( 1.3% vs 0.6% ) e la caduta di frammenti nucleari ( 0.6% vs 0.2% ) sono state più alte nel gruppo vitrectomia della pars plana precedente ( P minore di 0.0001 ).

L'intervallo di tempo medio tra vitrectomia della pars plana e chirurgia della cataratta è stato di 399 giorni.

In conclusione, è stato trovato un miglioramento significativo nella acuità visiva con chirurgia della cataratta postvitrectomia.
Tuttavia, rispetto agli occhi senza precedente vitrectomia della pars plana, c'è stata una visione postoperatoria media peggiore di 0.2 unità logMAR, un più alto tasso di dialisi zonulare e dispersione di frammenti nucleari, e un tasso di rottura della capsula posteriore simile. ( Xagena2018 )

Soliman MK et al, Ophtalmology 2018; 125: 1683-1691

Oftalm2018 Chiru2018



Indietro