XagenaNewsletter
Medical Meeting
Xagena Mappa
Dermabase.it

Esiti della funzione visiva riportati dal paziente dopo la terapia anti-VEGF per edema maculare causato da occlusione venosa centrale della retina o dell'emiretina


La terapia anti-fattore di crescita endoteliale vascolare ( anti-VEGF ) è il trattamento di prima linea standard di cura per l'edema maculare associato all'occlusione della vena centrale della retina ( CRVO ) o all'occlusione della vena emiretinale ( HRVO ) e sono necessarie informazioni per valutare l'effetto della terapia anti-VEGF sulla funzione visiva riportata dal paziente.

È stato studiato l'effetto di Aflibercept ( Eylea ) o Bevacizumab intravitreale sulla funzione visiva riportata dai pazienti in soggetti con edema maculare secondario a CRVO o a HRVO.

Una analisi secondaria pre-pianificata di SCORE2 ( Study of Comparative Treatments for Retinal Vein Occlusion 2 ), uno studio clinico randomizzato, ha incluso 346 partecipanti provenienti da 66 centri privati ​​o centri accademici negli Stati Uniti.
I partecipanti presentavano edema maculare associato a CRVO o a HRVO e informazioni sugli esiti al mese 6.
I dati sono stati raccolti nel periodo 2014-2015.

Gli occhi sono stati assegnati in modo casuale a ricevere una iniezione intravitreale di Bevacizumab ( 1.25 mg ) o Aflibercept ( 2.0 mg ) al basale e ogni 4 settimane fino al mese 5.

L’esito principale era la differenza tra i bracci di trattamento al mese 6 nei punteggi composito e di sottoscala del NEI VFQ-25 ( National Eye Institute Visual Function Questionnaire in 25 punti ).

Tra i 346 partecipanti ( 56.1% uomini; età media, 69 anni ), si sono verificati miglioramenti significativi dal basale al mese 6 nel punteggio composito NEI VFQ-25 nel braccio Aflibercept ( media 7.5; P minore di 0.001 ) e Bevacizumab ( media 6.1; P minore di 0.001 ) e in 10 dei 12 punteggi di sottoscala dopo aggiustamento della molteplicità.

Non sono state osservate differenze al mese 6 nei punteggi compositi o di sottoscala NEI VFQ-25 tra i partecipanti randomizzati al trattamento con Aflibercept o Bevacizumab.
Sono state osservate deboli correlazioni positive tra il cambiamento nell'acuità visiva degli occhi di studio e i cambiamenti nel punteggio composito NEI VFQ-25 ( r=0.22; P minore di 0.001 ) e i punteggi di sottoscala di attività a distanza ( r=0.24; P minore di 0.001 ) e guida ( r=0.19; P=0.03 ).

Un significativo miglioramento si è verificato dal basale al sesto mese nella funzione visiva riportata dal paziente, valutata dal NEI VFQ-25.
La mancanza di differenza nei punteggi NEI VFQ-25 tra i partecipanti allo studio trattati con Aflibercept intravitreale mensile e Bevacizumab per edema maculare a causa di CRVO o HRVO al mese 6 è coerente con il risultato primario che ha dimostrato che Bevacizumab era non-inferiore a Aflibercept in merito a un miglioramento dell'acuità visiva dal basale al mese 6. ( Xagena2019 )

Scott IU et al, JAMA Ophthalmol 2019; 137: 932-938

Oftalm2019 Farma2019


Indietro