XagenaNewsletter
Xagena Mappa
Medical Meeting
Xagena Salute

Esiti a 24 mesi del trattamento con terapia anti-VEGF per edema maculare dovuto a occlusione venosa centrale della retina o occlusione venosa emiretinica


Sono stati riportati gli esiti a 2 anni confrontando gli occhi originariamente assegnati ad Aflibercept ( Eylea ) o Bevacizumab ( Avastin ) per valutare la necessità di continuare la terapia anti-fattore di crescita dell'endotelio vascolare ( VEGF ) per l'edema maculare causato dall'occlusione della vena centrale della retina ( CRVO ) o dell'occlusione della vena emiretinica ( HRVO ) nei partecipanti allo studio SCORE2 ( Study of Comparative Treatments for Retinal Vein Occlusion 2 ).

Sono stati esaminati gli esiti 1 anno dopo l'interruzione del programma di trattamento SCORE2.
In una analisi secondaria dello studio clinico randomizzato SCORE2, il follow-up ha incluso 117 partecipanti originariamente randomizzati ad Aflibercept e 119 partecipanti originariamente randomizzati a Bevacizumab tra il 2014 e il 2015.
I partecipanti a SCORE2 hanno completato il protocollo di trattamento al mese 12, sono stati successivamente trattati a discrezione dello sperimentatore e sottoposti alla valutazione al mese 24.

L’esito principale era il punteggio di acuità visiva ( VALS ) e lo spessore del sottocampo centrale ( CST ) alla tomografia ottica computerizzata a dominio spettrale.

Tra i 362 partecipanti randomizzati ad Aflibercept o Bevacizumab, il 65.2% ( 236 su 362 ) ha completato una visita di protocollo al mese 24 ( età media 68.5 anni; 53.8% uomini ).
Il punteggio medio VALS è migliorato dal basale a 12 mesi di 21.6 nel gruppo Aflibercept rispetto a 21.9 nel gruppo Bevacizumab ( differenza, −0.3 ); poi è peggiorato da quei valori con un punteggio medio VALS di 7.6 nel gruppo Aflibercept e 7.5 nel gruppo Bevacizumab ( differenza, −0.1) al mese 24.

Lo spessore medio del sottocampo centrale è migliorato dal basale a 12 mesi di 394 microm nel gruppo Aflibercept rispetto a 420 microm nel gruppo Bevacizumab ( differenza, 26 microm ), poi è peggiorato da questi valori di una media di 58 microm nel gruppo Aflibercept rispetto a 48 microm nel gruppo Bevacizumab ( differenza, 10 microm ) al mese 24.

Non sono state identificate differenze nei risultati del punteggio VALS o dello spessore CST al mese 24 quando i partecipanti originariamente assegnati ad Aflibercept sono stati confrontati con quelli assegnati a Bevacizumab.

È necessaria cautela nell'interpretazione a causa della perdita di follow-up.

In entrambi i gruppi, il punteggio VALS e lo spessore CST sono migliorati fino al mese 12 e poi sono peggiorati leggermente durante il secondo anno, quando il trattamento era a discrezione dello sperimentatore.

Questa analisi suggerisce che CRVO e HRVO richiedono un attento monitoraggio e trattamento secondo necessità per almeno 2 anni per ottimizzare gli esiti negli occhi trattati con terapia anti-VEGF. ( Xagena2019 )

Scott IU et al, JAMA Ophthalmol 2019; 137: 1389-1398

Oftalm2019 Farma2019


Indietro