Xagena Mappa
Medical Meeting
Gastrobase.it
Reumabase.it

Endoftalmite dopo iniezione intravitreale di inibitori di VEGF


E' stata descritta la presentazione di pazienti che sviluppano endoftalmite dopo iniezione intravitreale con inibitori del fattore di crescita dell'endotelio vascolare ( VEG F).
Inoltre, è stata valutata la gestione confrontando gli esiti della tecnica tap and injection di antibiotici intravitreali ( TAI ) rispetto alla iniziale vitrectomia chirurgica via pars plana ( PPV ).
Infine, sono stati analizzati i fattori predittivi degli esiti visivi al follow-up a 6 mesi.

È stato condotto uno studio interventistico retrospettivo, monocentrico, non-randomizzato, con pazienti che avevano sviluppato endoftalmite dopo aver ricevuto una iniezione intravitreale di un agente anti-VEGF tra il 2006 e il 2016.

Tutti i pazienti sono stati sottoposti a una biopsia vitreale inviata per colture prima dell'inizio del trattamento: gruppo TAI versus gruppo PPV ( vitrectomia via pars plana con antibiotici intravitreali ).

La principale misura di esito era la migliore acuità visiva corretta ( BCVA ) a 6 mesi di follow-up dopo trattamento per endoftalmite.

In totale sono state eseguite 258.357 iniezioni intravitreali nel periodo di 10 anni, e 40 pazienti ( 0.016% ) hanno presentato endoftalmite entro 3 settimane dopo l'iniezione.

34 pazienti ( 85.0% ) hanno sofferto di dolore e 25 pazienti ( 62.5% ) hanno presentato ipopion all'esame iniziale.

Tra i 24 casi di coltura positiva, il 66.7% degli organismi causali erano stafilococchi coagulasi-negativi, seguiti da specie di streptococco ( 10.0% ).

La migliore acuità visiva corretta ( BCVA ) ( logaritmo dell'angolo di risoluzione minimo, logMAR ) al follow-up a 6 mesi era significativamente peggiore per i pazienti che avevano una coltura positiva per le specie di Streptococcus ( 4.0; approssimativamente la percezione della luce ) rispetto a coloro che avevano una coltura positiva per Stafilococco coagulasi-negativo ( 0.4; circa 20/50; P minore di 0.0001 ).

Rispetto al gruppo TAI, una percentuale maggiore di campioni era positiva alla coltura nel gruppo PPV ( 90.9% vs 48.3%, P=0.03 ).

Non è stata riscontrata alcuna differenza statisticamente significativa per la migliore acuità visiva corretta al follow-up a 6 mesi tra i gruppi TAI e PPV.

Una età inferiore ( meno di 85 anni ) e una pressione intraoculare inferiore ( IOP ) ( minore o uguale a 25 mm Hg ) alla presentazione erano predittivi di raggiungere una BCVA di 20/400 o migliore al follow-up a 6 mesi dopo il trattamento.

La gestione iniziale ( TAI versus PPV ), la durata dei sintomi, la presenza di dolore, la presenza di ipopion, la presentazione di BCVA e lo stato della coltura ( positivo vs negativo ) non sono risultati predittivi di esiti visivi al follow-up a 6 mesi.

Non è stata rilevata alcuna differenza significativa nella mgliore acuità visiva corretta al follow-up a 6 mesi tra i gruppi TAI e PPV.
L'età più giovane e la più bassa pressione intraoculare alla presentazione sono state associate a esiti visivi migliori al follow-up a 6 mesi. ( Xagena2018 )

Xu K et al, Ophthalmology 2018; 125: 1279-1286

Oftalm2018 Farma2018


Indietro