XagenaNewsletter
Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it

Efficacia e sicurezza a lungo termine dei colliri a base di corticosteroidi dopo cheratoplastica penetrante


Il rigetto endoteliale rimane una delle principali cause di fallimento del trapianto dopo cheratoplastica penetrante ( PKP ).

I corticosteroidi topici sono il gold standard per la prevenzione del rigetto; tuttavia, i protocolli per il trattamento con corticosteroidi sono i più diversi.

Uno studio ha esaminato l'efficacia e la sicurezza a lungo termine dell'uso di colliri a base di corticosteroidi dopo cheratoplastica penetrante in un ambito clinico randomizzato.

Sono stati arruolati 42 pazienti ( 21 maschi e 21 femmine ) con un'età media di 65.3 anni che hanno subito cheratoplastica penetrante e mantenuto la limpidezza dell'innesto per più di 1 anno con colliri topici steroidei.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a uno di due gruppi: somministrazione di Fluorometolone 0.1% ( Fluaton collirio ), 3 volte al giorno ( gruppo steroidi ), oppure interruzione dell’assunzione del collirio steroideo ( gruppo no-steroidi ).

Tutti i pazienti sono stati seguiti per 12 mesi.

Sono state valutate la percentuale di occhi senza rigetto endoteliale e la percentuale di occhi con innesti limpidi e l'incidenza di effetti collaterali locali o sistemici.

Tra gli iniziali 42 pazienti, 4 soggetti nel gruppo steroidi e 6 nel gruppo no-steroidi non hanno completato lo studio.

Tra i pazienti che hanno completato lo studio, 1 paziente nel gruppo steroidi e 6 nel gruppo no-steroidi hanno sviluppato rigetto endoteliale in media 5.2 mesi dopo l'arruolamento.

La differenza di incidenza di rigetto tra i gruppi è risultata significativa sia con il test del chi-quadro ( P=0.027 ) sia con l'analisi di Kaplan-Meier ( log-rank test, P=0.032 ).

Non è stata osservata alcuna differenza tra i due gruppi nella acuità visiva, pressione intraoculare, danno epiteliale, break up time del film lacrimale, progressione della cataratta, infezioni, o incidenza di effetti collaterali sistemici.

In conclusione, l'uso prolungato di Fluorometolone 0.1% è risultato utile per la prevenzione del rigetto dopo cheratoplastica penetrante.
Poiché nessuna conseguenza negativa è stata notata, è stato consigliato l'utilizzo continuativo di corticosteroidi a basse dosi, anche in casi non ad alto rischio. ( Xagena2012 )

Shimazaki J et al, Ophthalmology 2012; 119: 668-673


Chiru2012 Oftalm2012 Farma2012


Indietro