Xagena Mappa
Medical Meeting
Onco News
XagenaNewsletter

Efficacia di Ranibizumab in occhi con edema maculare diabetico e non-perfusione maculare negli studi RIDE e RISE


Uno studio ha verificato se esistono caratteristiche di base che distinguono i pazienti con edema maculare diabetico con coesistente non-perfusione maculare al basale, ed è stato valutato il potenziale di questi pazienti ad ottenere risultati positivi di acuità visiva, anatomici e di retinopatia diabetica in 24 mesi.

È stata effettuata una analisi post hoc degli studi RIDE / RISE, di fase 3, paralleli, randomizzati, multicentrici, a doppio mascheramento.
Sono stati studiati gli occhi con i dati di migliore acuità visiva corretta ( BCVA ) / angiogramma con fluoresceina, al basale.

Le principali misure di esito erano le caratteristiche di base; area di non-perfusione maculare, migliore acuità visiva corretta, e spessore del sottocampo centrale ai mesi 12 e 24; e incidenza degli occhi di studio con miglioramento della retinopatia diabetica di 2 o più step ai mesi 3, 6, 12, 18 e 24.

La non-perfusione maculare al basale è stata rilevata nel 28.2%, 25.8% e 26.3% degli occhi dello studio, rispettivamente, nei bracci Ranibizumab [ Lucentis ] 0.3 mg ( n=213 ), Ranibizumab 0.5 mg ( n=225 ) e simulazione ( n=228 ).

Al basale, i pazienti con non-perfusione maculare erano più giovani e avevano una più breve durata del diabete, una visione peggiore, un aumento di spessore del sottocampo centrale e una maggiore gravità della retinopatia diabetica ( valori di P inferiori a 0.01 rispetto a quelli senza non-perfusione maculare ).

Nel braccio Ranibizumab da 0.3 mg, gli occhi con non-perfusione maculare al basale avevano una più ridotta migliore acuità visiva corretta al basale ( 53.4 vs 57.2 alla scala ETDRS [ Early Treatment for Diabetic Retinopathy Study ] per quelli senza non-perfusione maculare al basale; P=0.05 ), ma il guadagno medio di migliore acuità visiva corretta al mese 24 è risultato comparabile ( +15.6 vs +13.4 lettere alla scala ETDRS, rispettivamente; P=0.2 ).
Gli occhi con non-perfusione maculare al basale avevano un aumentato spessore del sottocampo centrale al basale, ma una più marcata diminuzione dello spessore del sottocampo centrale a 24 mesi.
La percentuale di occhi con un miglioramento della retinopatia diabetica di 2 o più step è stata maggiore per gli occhi con non-perfusione maculare rispetto a quelli senza non-perfusione maculare al basale in ciascun braccio di Ranibizumab.

In conclusione, nonostante abbiano una visione peggiore / un aumento di spessore del sottocampo centrale, rispetto a quelli senza non-perfusione della macula al basale, gli occhi con concomitante edema maculare diabetico e non-perfusione maculare al basale negli studi RIDE / RISE hanno mostrato acuità visiva robusta e miglioramento anatomico con Ranibizumab e pertanto non devono essere esclusi dalla terapia. ( Xagena2018 )

Reddy RK et al, Ophtalmology 2018; 125: 1568-1574

Oftalm2018 Endo2018 Farma2018


Indietro