Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Gastrobase.it

Effetto di Dorzolamide - Timololo topico adiuvante rispetto al placebo nella degenerazione maculare neovascolare legata all'età


Alcuni occhi con degenerazione maculare neovascolare correlata all'età ( AMD ) presentano un essudato persistente nonostante le frequenti iniezioni intravitreali anti-VEGF ( fattore di crescita dell'endotelio vascolare ).
Le terapie adiuvanti che riducono ulteriormente l'edema possono migliorare gli esiti della vista.

È stato confrontato l'effetto a breve termine di Dorzolamide-Timololo ( Xalacom ) topico rispetto al placebo negli occhi con degenerazione maculare neovascolare che presentano essudazione persistente a seguito di iniezioni intravitreali di anti-VEGF.

È stato condotto uno studio clinico randomizzato controllato con placebo, multicentrico, con arruolamento tra il 2017 e il 2018, in 4 siti clinici negli Stati Uniti.
Lo studio ha coinvolto 63 pazienti con degenerazione maculare neovascolare che presentavano essudazione persistente nonostante le iniezioni intravitreali di anti-VEGF a intervalli di 4, 5 o 6 settimane.

I pazienti sono stati randomizzati a utilizzare Dorzolamide-Timololo o lacrime artificiali per la durata dello studio e hanno continuato a ricevere lo stesso farmaco anti-VEGF nello stesso intervallo delle 2 visite prima dell'arruolamento per 3 ulteriori visite di studio.

La misura di esito principale era la variazione dello spessore medio del sottocampo centrale alla tomografia a coerenza ottica dal basale alla visita 3 ( circa 3 mesi ).
Le misure secondarie includevano la variazione dell'altezza massima media del fluido sottoretinico, l'altezza massima media del distacco dell'epitelio pigmentato e l'acuità visiva media.

Lo studio ha incluso 52 pazienti. Tutti i 27 pazienti ( 100% ) assegnati a Dorzolamide-Timololo e 23 su 25 ( 92% ) assegnati a placebo sono stati analizzati per l'esito primario. L'età media era di 78.4 anni, e 34 pazienti su 50 ( 68% ) erano donne.

Le iniezioni medie erano state 20.5 prima dell'arruolamento. Il logMAR acuità visiva media al basale era 0.361 ( equivalente di Snellen approssimativo, 20/50 ).

Confrontando il gruppo Dorzolamide-Timololo con il gruppo placebo dal basale alla visita 3, la variazione media dello spessore del sottocampo centrale ( esito primario ) è stata di di -36.6 microm versus 1.7 microm ( differenza, 30.8; P=0.04 ); esiti secondari: l'altezza massima del distacco dell'epitelio pigmentato retinico ( PED ) è stata pari a -39.1 microm vs 1.1 microm ( differenza, 39.6; P=0.01 ) e la variazione di acuità visiva dal basale alla visita 3 è stata di -2.3 vs 0.3 lettere ( differenza, 2.6 lettere; P=0.78 ).

Questi risultati hanno indicato che l'uso di Dorzolamide-Timololo nei pazienti con degenerazione maculare neovascolare con essudazione persistente ha prodotto miglioramenti anatomici ma non nell'acuità visiva rispetto al placebo a circa 3 mesi.

Presumibilmente saranno necessari ulteriori studi clinici con un follow-up più lungo e campioni di dimensioni maggiori per determinare il ruolo, se del caso, di Dorzolamide-Timololo nella degenerazione maculare neovascolare. ( Xagena2020 )

Hsu J et al, JAMA Ophthalmol 2020; 138: 560-567

Oftalm2020 Farma2020



Indietro