Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Xagena Salute

Determinanti degli esiti della cheratocongiuntivite adenovirale


Sono stati determinati i fattori dell’ospite e del patogeno predittivi degli esiti in un'ampia coorte clinica con cheratocongiuntivite in analisi retrospettive dei dati clinici e molecolari da uno studio randomizzato controllato in cieco per cheratocongiuntivite ( NVC-422 fase IIB, NovaBay ).

Sono stati esaminati 500 partecipanti provenienti da Stati Uniti, India, Brasile e Sri Lanka con diagnosi clinica di cheratocongiuntivite e risultati di test rapidi positivi per adenovirus.

Segni e sintomi clinici e tamponi congiuntivali bilaterali sono stati ottenuti nei giorni 1, 3, 6, 11 e 18. L'analisi della reazione a catena della polimerasi ( PCR ) è stata eseguita per rilevare e quantificare l'adenovirus in tutti i campioni.
È stata valutata l'associazione di varie variabili con gli esiti della cheratocongiuntivite.
Il tempo di risoluzione di ciascun sintomo o segno è stato valutato in base alle specie adenovirali.

Le principali misure di esito erano la differenza nei punteggi compositi dei segni clinici tra il giorno 1 e il giorno 18, la variazione dell'acuità visiva media tra i giorni 1 e 18 e il tempo necessario alla risoluzione di ciascun sintomo o segno.

Su 500 partecipanti, 390 ( 78% ) hanno mostrato evidenza di adenovirus mediante PCR. Tra i partecipanti positivi all'adenovirus, la specie adenovirus D era più comune ( 63% dei casi totali ), ma sono stati rilevati in totale di 4 specie e 21 diversi tipi di adenovirus.
L'adenovirus D è risultato associato a segni e sintomi più gravi, a un più alto tasso di sviluppo di infiltrati sottoepiteliali e a una diminuzione più lenta della carica virale rispetto a tutte le altre specie di adenovirus.

Il decorso clinico di tutti i pazienti con infezione da specie non-adenovirus D e cheratocongiuntivite negativa ad adenovirus era simile.
Il cambiamento medio dell'acuità visiva tra i giorni 1 e 18 è stato un guadagno di 1.9 lettere; un peggiore esito visivo è stato associato all'età avanzata.

Una parte sostanziale della cheratocongiuntivite non è associata a un adenovirus rilevabile. Il decorso clinico dei pazienti con cheratocongiuntivite da adenovirus D è significativamente più grave di quelli con infezioni da specie non-adenovirus D o cheratocongiuntivite adenovirus-negativa; l'elevata carica virale alla presentazione e l'origine non-statunitense dei partecipanti è associata ad un peggiore esito clinico. ( Xagena2018 )

Lee CS et al, Ophtalmology 2018; 125: 1344-1353

Oftalm2018 Inf2018



Indietro