Xagena Mappa
Medical Meeting
Cardiobase
Mediexplorer.it

Cheratite da virus HSV in età pediatrica


Ricercatori della Chang Gung University di Taiwan, hanno descritto le caratteristiche cliniche e gli esiti sulla visione della cheratite da virus dell’herpes simplex ( HSV ) in età pediatrica.

Sono state riviste le cartelle cliniche di 29 pazienti di età inferiore a 16 anni con cheratite da HSV diagnosticata e trattata nel periodo 1996-2004.

La diagnosi di cheratite erpetica è stata dimostrata in base a una coltura virale positiva e/o a una PCR (polymerase chain reaction ) in tempo reale quantitativa, o a una chiara storia di cheratite dendritica o cheratouveite erpetica.

Sono stati analizzati il tipo di cheratite da HSV, il tasso di recidiva e gli esiti sulla visione.

L’età media all’ingresso nello studio è stata di 5.7 anni ( range: 7 mesi – 15 anni ).
Il follow up medio è stato di 35.3 mesi ( range: 2-29 mesi ).

La cheratite epiteliale che include ulcere dendritiche e geografiche è stata osservata in 14 occhi, la cheratite stromale in 2 occhi, la cheratite stromale assieme a quella epiteliale in 8 occhi e la endotelite in 6 occhi.

Un paziente ha avuto coinvolgimento sequenziale di entrambi gli occhi.

Il 45% dei pazienti ( n=13 ) ha sviluppato cheratite da HSV recidivante dopo il primo episodio documentato.
Il genere femminile ( ma non l’età o il tipo di cheratite ) è risultato significativamente associato con le recidive.

Cinque pazienti che sono stati mantenuti sotto profilassi orale con Valaciclovir ( Zelitrex ) fino a 1 anno non hanno manifestato recidiva durante il periodo di trattamento.
Dei 21 pazienti di età inferiore agli 8 anni, 15 hanno mostrato la migliore acuità visiva corretta all’ultimo esame di follow-up, e 10 pazienti hanno sviluppato ambliopia.

In conclusione, i pazienti in età pediatrica con cheratite da HSV sono a rischio per cheratite ricorrente e ambliopia.
Una prolungata profilassi antivirale sistemica potrebbe aiutare a prevenire tali conseguenze. ( Xagena2009 )

Hsiao CH et al, Cornea 2009; 28: 249-253


Farma2009 Oftalm2009 Inf2009


Indietro