Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it
Ematobase.it

Associazione tra terapia intravitreale anti-VEGF e rischio di ictus, infarto miocardico e morte nei pazienti con degenerazione maculare senile essudativa


Gli studi attuali che hanno valutato il rischio di ictus, infarto del miocardio e decesso nei pazienti sottoposti a terapia intravitreale anti-fattore di crescita dell'endotelio vascolare ( VEGF ) non sono conclusivi e non sono stati condotti studi basati sulla popolazione per esaminare questi potenziali rischi.

Si è determinato se i pazienti con degenerazione maculare essudativa legata all'età ( AMD ) che ricevono iniezioni intravitreali di anticorpi anti-VEGF abbiano una maggiore incidenza di infarto miocardico, ictus o morte rispetto alle popolazioni di controllo in uno studio retrospettivo di coorte basato sulla popolazione.

Lo studio ha incluso 504 pazienti della contea di Olmsted, Minnesota ( Stati Uniti ), identificati attraverso il database del Rochester Epidemiology Project ( REP ), che avevano ricevuto almeno 1 iniezione intravitreale anti-VEGF per AMD essudativa dal 2004 al 2013.
Sono stati studiati anche tre gruppi di controllo abbinati per età e sesso che non avevano ricevuto il trattamento anti-VEGF derivati ​​dal database REP: individui di controllo con AMD essudativa nell'era precedente l'anti-VEGF ( dal 1990 al 2003 ), controlli con AMD secca e controlli senza AMD.

È stato valutato il rischio a 5 anni di ictus, infarto miocardico e morte nei pazienti rispetto ai controlli.
Lo studio ha incluso 504 pazienti ( 321 donne, 63.7%; età media, 76.5 anni ) che hanno ricevuto almeno 1 iniezione intravitreale di anti-VEGF per degenerazione maculare correlata all'età essudativa durante il periodo di studio.

L'analisi di Kaplan-Meier ha rivelato un rischio a 5 anni del 7.2% per l'ictus, del 6.1% per infarto miocardico e del 30.0% per la morte.
I pazienti che hanno ricevuto la terapia anti-VEGF non hanno presentato un aumentato rischio di ictus o infarto miocardico rispetto ai controlli con degenerazione maculare senile secca ( n=504 ), ai controlli con AMD essudativa ( n=473 ) o ai controlli senza AMD ( n=504 ).

C'è stato un aumentato rischio di mortalità rispetto ai controlli con AMD essudativa nell'era precedente alla terapia anti-VEGF ma non agli altri gruppi di controllo all'analisi multivariata ( hazard ratio, HR 1.63; P minore di 0.001 ).

Questo studio basato sulla popolazione ha rivelato che la terapia intravitreale anti-VEGF per degenerazione maculare correlata all'età essudativa non era associata ad aumenti consistenti del rischio di ictus, infarto miocardico o morte rispetto a nessuna terapia in pazienti con o senza AMD.
Sembra probabile che gli eventi cardiaci che questi pazienti hanno manifestato non siano attribuibili alla terapia anti-VEGF. ( Xagena2019 )

Dalvin LA et al, JAMA Ophthalmol 2019; 137: 483-490

Oftalm2019 Cardio2019 Neuro2019 Farma2019


Indietro