Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Gastrobase.it

Associazione tra densità vasale e acuità visiva nei pazienti con retinopatia diabetica e diabete di tipo 1 scarsamente controllato


La perdita capillare è un segno distintivo della retinopatia diabetica, ma il suo ruolo nella perdita visiva rimane non ben definito.
Si è studiato come la densità dei vasi maculari sia correlata con l'acuità visiva nei pazienti di età inferiore a 40 anni che hanno il diabete di tipo 1 senza edema maculare ma che hanno retinopatia diabetica che richiede fotocoagulazione panretinica.

Uno studio di coorte retrospettivo ha utilizzato i dati della acuità visiva e di angiografia basata sulla tomografia a coerenza ottica raccolti da pazienti consecutivi durante una singola visita all'ospedale di Lariboisière, un centro di riferimento di Parigi, in Francia.

La coorte comprendeva 22 occhi di 22 pazienti con diabete di tipo 1 senza edema maculare ma con retinopatia diabetica bilaterale progressiva che è stata trattata con fotocoagulazione panretinica tra il 2015 e il 2016.

Gli occhi sono stati classificati in due gruppi per acuità visiva: normale ( logMAR, 0; equivalente di Snellen 20/20 ) e diminuita ( logMAR maggiore di 0; equivalente di Snellen minore di 20/20 ).
Il gruppo di controllo comprendeva 12 occhi da partecipanti sani con visione normale abbinati per età.

Gli esiti principali erano l’acutezza visiva e la densità media dei vasi in 4 plessi vascolari retinici: il plesso vascolare superficiale e il complesso capillare profondo, che comprende il plesso capillare intermedio e il plesso capillare profondo.

Su 22 partecipanti, 11 ( 50% ) erano uomini, l'età media era di 30 anni e il livello medio di emoglobina A1c era dell'8.9% ( 1.6% ).
Dei 22 occhi con retinopatia diabetica, 13 ( 59% ) avevano acuità visiva normale e 9 ( 41% ) avevano acuità visiva diminuita ( media: logMAR 0.12, equivalente di Snellen, 20/25 ).

La densità media dei vasi era inferiore per gli occhi con retinopatia diabetica e acuità visiva normale rispetto al gruppo di controllo nel plesso vascolare superficiale ( 44.1% vs 49.1%, differenza, -5.0%, P minore di 0.001 ), nel complesso capillare profondo ( 44.3% vs 50.6%; differenza, -6.3%; P=0.001 ), nel plesso capillare intermedio ( 43.8% vs 49.3%, differenza, -5.5%, P=0.003 ) e nel plesso capillare profondo ( 24.5% vs 30.5%, differenza, -6.1%, P minore di 0.001 ).

La densità media dei vasi era inferiore negli occhi con retinopatia diabetica e diminuita acuità visiva rispetto agli occhi con retinopatia diabetica e acuità visiva normale; la perdita media era più pronunciata nel complesso capillare profondo ( 34.6% vs 44.3%, differenza, -9.6%, P minore di 0.001 ), in particolare nel plesso capillare profondo ( 15.2% vs 24.5%, differenza, -9.3%, P minore di 0.001 ), rispetto al plesso vascolare superficiale ( 39.6% vs 44.1%, differenza, -4.5%, P=0.002 ).

I dati hanno mostrato che nei pazienti con diabete di tipo 1 senza edema maculare ma con grave retinopatia diabetica non proliferativa o proliferativa, una diminuzione della acuità visiva può essere associata al grado di perdita capillare nel complesso capillare profondo. ( Xagena2018 )

Dupas B et al, JAMA Ophthalmol 2018; 136: 721-728

Oftalm2018 Endo2018



Indietro