Xagena Mappa
Medical Meeting
Xagena Salute
Dermabase.it

Associazione della terapia a base di statine con la prevenzione della retinopatia diabetica pericolosa per la vista


La retinopatia diabetica è la principale causa di cecità negli adulti in età lavorativa. Gli studi hanno suggerito che le statine siano in grado di ridurre il rischio di sviluppare retinopatia diabetica.
È stata esaminata l'associazione tra terapia con statine e sviluppo della retinopatia diabetica nei pazienti con diabete mellito e dislipidemia.

Uno studio di coorte basato sulla popolazione, condotto su 37.894 pazienti taiwanesi tra il 1998 e il 2013, ha utilizzato il National Health Insurance Research Database per identificare i pazienti con diabete di tipo 2 e dislipidemia.
I risultati sono stati confrontati tra quelli che assumevano statine e quelli che non ne assumevano.

Gli esiti dello studio erano qualsiasi stadio della retinopatia diabetica e i trattamenti per la retinopatia diabetica pericolosa per la vista.

Su 1.648.305 pazienti con diabete mellito di tipo 2, 219.359 erano ammissibili all'analisi durante il periodo di studio, inclusi 199.760 pazienti che assumevano statine e 19.599 pazienti che non assumevano statine.

Dopo abbinamento per punteggio di propensione, c'erano 18.947 pazienti nel gruppo statine ( 10.436 donne e 8.511 uomini; età media 61.5 anni ) e 18.947 pazienti nel gruppo senza statine ( 10.430 donne e 8.517 uomini; età media 61.0 anni ), con un follow-up medio di 7.6 anni per il gruppo statine e 7.3 anni per il gruppo senza statine.

Durante il periodo di studio, 2.004 pazienti nel gruppo statine ( 10.6% ) e 2.269 pazienti nel gruppo senza statine ( 12.0% ) hanno sviluppato retinopatia diabetica.

I pazienti nel gruppo statine avevano un tasso significativamente più basso di retinopatia diabetica ( hazard ratio HR, 0.86 ), retinopatia diabetica non-proliferativa ( HR, 0.92 ), retinopatia diabetica proliferativa ( HR, 0.64 ), emorragia vitreale ( HR, 0.62 ), distacco retinico trazionale ( HR, 0.61 ) ed edema maculare ( HR, 0.60 ) rispetto al gruppo senza statine, nonché tassi più bassi di interventi come il trattamento laser della retina ( HR, 0.71 ), iniezione intravitreale ( HR, 0.74 ) e vitrectomia ( HR, 0.58 ), insieme a un numero minore di interventi ( laser retinici: rate ratio, RR 0.61 ), iniezioni intravitreali ( RR 0.68 ) e vitrectomie ( RR 0.54 ).

La terapia con statine è stata anche associata a minori rischi di eventi cardiovascolari avversi maggiori ( HR, 0.81 ), neuropatia diabetica di nuova insorgenza ( HR, 0.85 ); e ulcere del piede diabetico di nuova insorgenza (HR, 0.73).

La terapia con statine è stata associata a un ridotto rischio di retinopatia diabetica e alla necessità di trattamenti per la retinopatia diabetica pericolosa per la vista nei pazienti taiwanesi con diabete mellito di tipo 2 e dislipidemia. ( Xagena2019 )

Kang EYC et al, JAMA Ophthalmol 2019; 137: 363-371

Oftalm2019 Endo2019 Farma2019


Indietro