Xagena Mappa
Medical Meeting
Onco News
Xagena Salute

Aberrazioni corneali di ordine superiore dopo cheratoplastica endoteliale della membrana di Descemet


Sono state confrontate le aberrazioni corneali di ordine superiore ( HOA ) in occhi che hanno subito cheratoplastica endoteliale della membrana di Descemet ( DMEK ), cheratoplastica endoteliale automatizzata con stripping della membrana di Descemet ( DSAEK ), cheratoplastica penetrante ( PK ) e in un gruppo di controllo non-sottoposto ad intervento chirurgico.

Sono stati analizzati 30 occhi di 30 pazienti trattati con DMEK standard, 20 occhi di 20 pazienti dopo DSAEK, 20 occhi di 20 pazienti dopo PK, e 20 occhi di 20 controlli.

Oltre ai normali controlli post-operatori, ogni partecipante è stato analizzato con il sistema Scheimpflug rotante ad alta risoluzione Pentacam.
I dati sono stati confrontati tra i gruppi.

Il follow-up è stato di 6.5 mesi dopo DMEK, 22.6 mesi dopo DSAEK e 103.1 mesi dopo PK.

Non vi sono state differenze statisticamente significative per le zone anteriori di 4.0 millimetri tra il gruppo DMEK e i controlli o tra i gruppi DMEK e DSAEK.

La procedura DMEK rispetto a quella PK ha mostrato differenze statisticamente significative in tutti i termini per le zone di 4.0 mm.

Tutti i termini di Zernike combinati per le aberrazioni posteriori medie delle zone centrali di 4.0 mm hanno mostrato aberrazioni maggiori statisticamente significative per DMEK rispetto ai controlli.

La procedura DMEK rispetto a DSAEK ha mostrato valori medi inferiori statisticamente significativi per tutti i termini di Zernike combinati, tranne per l'effetto cometa e cometa-simile nelle zone centrali di 4.0 mm della superficie posteriore della cornea.

Rispetto a PK, DMEK ha mostrato valori medi inferiori statisticamente significativi per tutti i termini di Zernike combinati per le zone centrali di 4.0 mm della superficie posteriore della cornea, tranne per l'aberrazione sferica e l'aberrazione sferica-simile.

La migliore acuità visiva corretta con lenti ( BSCVA ) dopo DMEK è stata significativamente migliore rispetto a DSAEK ( P=0.001 ) e PK ( P=0.005 ).
Non c'è stata differenza statisticamente significativa quando la migliore acuità visiva corretta con lenti è stata confrontata con i controlli ( P=0.998 ).

In conclusione, sia DSAEK che PK hanno mostrato un aumento delle aberrazioni corneali posteriori di ordine superiore anche anni dopo l'intervento chirurgico.
I pazienti trattati con DMEK hanno presentato solamente lievi variazioni nelle aberrazioni corneali posteriori di ordine superiore. ( Xagena2012 )

Rudolph M et al, Ophthalmology 2012; 528-535


Oftalm2012 Chiru2012



Indietro