Reumatologia
OncologiaMedica.net
Mediexplorer

Vitrectomia con peeling della membrana limitante interna versus nessun peeling per foro maculare idiopatico a tutto spessore


L’obiettivo di uno studio è stato quello di verificare se il peeling della membrana limitante interna ( ILM ) sia in grado di migliorare i risultati anatomici e funzionali della chirurgia per foro maculare a tutto spessore ( FTMH ) rispetto alla tecnica senza peeling.

È stata effettuata una revisione sistematica e una meta-analisi dei dati dei singoli partecipanti ( IPD ) con foro maculare a tutto spessore, idiopatico, di stadio 2, 3 e 4, sottoposti a vitrectomia con o senza peeling della membrana limitante interna.

L’intervento di chirurgia del foro maculare ha compreso vitrectomia e endotamponamento con gas con o senza peeling della membrana limitante interna.

L'esito primario era la migliore acuità visiva corretta a distanza ( BCdVA ) 6 mesi dopo l'intervento.
Gli esiti secondari erano BCdVA a 3 e 12 mesi; migliore acuità visiva corretta da vicino ( BCnVA ) a 3, 6 e 12 mesi; chiusura del foro maculare primaria ( dopo un unico intervento chirurgico ) e finale ( dopo più di 1 intervento ); necessità di ulteriori interventi chirurgici; complicanze intraoperatorie e postoperatorie; risultati riferiti dai pazienti ( PRO ) ( EuroQol-5D e punteggi Vision Function Questionnaire-25 a 6 mesi ); e costo-efficacia.

Sono stati identificati e inclusi nella revisione e meta-analisi 4 studi randomizzati e controllati; i dati dei singoli partecipanti sono stati ottenuti da 3 dei 4 studi.

Non è stata riscontrata nessuna evidenza di una differenza di BCdVA a 6 mesi ( differenza media, -0.04; P=0.27 ); tuttavia, non vi erano prove di una differenza di BCdVA a 3 mesi a favore del peeling della membrana limitante interna ( differenza media, -0.09; P=0.02 ).

Ci sono state evidenze di un effetto favorevole del peeling della membrana limitante interna per quanto riguarda la chiusura del foro maculare, primaria ( odds ratio, OR=9.27; P minore di 0.00001 ) e finale ( OR=3.99; P=0.02 ), e la minore necessità di un ulteriore intervento chirurgico ( OR=0.11; P minore di 0.00001 ), senza evidenza di una differenza tra i gruppi per quanto riguarda le complicazioni intraoperatorie o postoperatorie o i risultati riferiti dai pazienti.

Il peeling della membrana limitante interna è risultato essere altamente vantaggioso.

In conclusione, le evidenze disponibili supportano il peeling della membrana limitante interna come trattamento di scelta per i pazienti con foro maculare a tutto spessore idiopatico di grado 2, 3 e 4. ( Xagena2014 )

Spiteri Cornish K et al, Ophthalmology 2014;121:649-655

Oftalm2014



Indietro