Ematologia.net
Cardiologia.net
OncologiaMedica.net

Suscettibilità genetica, antiossidanti nella dieta e incidenza a lungo termine di degenerazione maculare senile in due popolazioni


È stato preso in esame il cambiamento dell’effetto tra predisposizione genetica alla degenerazione maculare legata all'età ( AMD ) e gli antiossidanti nella dieta o il consumo di pesce sul rischio di degenerazione maculare senile mediante una analisi dei dati dei partecipanti allo studio Blue Mountains Eye ( BMES ) e Rotterdam Study ( RS ).

Gli apporti dietetici di antiossidanti ( Luteina / Zeaxantina, beta-Carotene e Vitamina-C ), Acidi grassi polinsaturi a catena lunga Omega-3 e Zinco sono stati stimati da questionari di frequenza alimentare.

Il rischio genetico di degenerazione maculare senile è stato classificato in base al numero di alleli di rischio di CFH (rs1061170) o ARMS2 (rs10490924), come basso rischio ( nessuno o 1 allele di rischio ) o alto rischio ( 2 o più alleli di rischio ).

Sono state valutate le interazioni tra dieta e livelli di rischio genetico.
Le associazioni tra assunzione con la dieta e rischio di degenerazione maculare senile sono state valutate confrontando il più alto terzile con i due terzili inferiori da sottogruppi di rischio genetico, in ogni studio separatamente e quindi utilizzando i dati aggregati.
I partecipanti senza lesioni di degenerazione maculare senile in ogni visita erano controlli.

Tutti i casi di degenerazione maculare senile incidente tardiva a 15 anni sono stati confermati dai ricercatori degli studi Beaver Dam Eye, BMES e RS.

La riproducibilità è stata valutata in un sottocampione di degenerazione maculare senile precoce, con un accordo dell’86.4% tra ricercatori degli studi BMES e RS, consentendo una differenza di 1 grado su una scala di 5 gradi di gravità della degenerazione maculare senile.

Nelle analisi dei dati aggregati, è stata riscontrata una significativa interazione tra stato di rischio genetico di degenerazione maculare senile e assunzione di Luteina / Zeaxantina ( P=0.0009 ), ma interazioni non-significative tra stato di rischio genetico e consumo di pesce alla settimana ( P=0.05 ) per il rischio di qualsiasi degenerazione maculare senile.

Tra i partecipanti ad alto rischio genetico, il terzile di assunzione più alta di Luteina / Zeaxantina è risultato associato a una riduzione del rischio superiore al 20% di degenerazione maculare senile precoce, e il consumo settimanale di pesce è stato associato a un rischio ridotto del 40% di degenerazione maculare senile tardiva.

Nessuna associazione simile era evidente tra i partecipanti con rischio genetico basso.

Nessuna interazione è stata rilevata tra beta-Carotene e Vitamina-C e lo stato di rischio genetico.

In conclusione, la protezione contro la degenerazione maculare senile da un maggiore consumo di Luteina / Zeaxantina e pesce nelle persone ad alto rischio genetico sulla base di due geni maggiori di degenerazione maculare senile aumenta la possibilità di effettuare interventi preventivi personalizzati. ( Xagena2014 )

Wang JJ et al, Ophthalmology 2014;121:667-675

Oftalm2014



Indietro